Il consenso informato: durante e dopo la gravidanza – I tuoi diritti di scelta esistono

Per anni, ci è stato detto che il dottore ne sa di più. In molti casi, chi presta assistenza viene considerato il responsabile delle decisioni, colui che ha la risposta giusta; la persona alla quale dovremmo rimandare ogni tipo di decisione personale e che ha un impatto sulla nostra vita. Allo stesso modo in cui teniamo i medici a un elevato standard di assistenza, diamo loro anche molto potere decisionale senza necessariamente mettere in discussione il perché delle loro decisioni o come vengono prese.

Questo approccio, questa sottomissione all'”esperto”, è più pronunciato durante la gravidanza, in particolare, direi, in Italia. La gravidanza è un momento di gioia ma anche un momento di continui dubbi e preoccupazioni per entrambi i genitori che ci manda alla ricerca di risposte e di garanzie che andrà tutto bene. Tuttavia, ritengo che un eccesso deferenza senza il rispetto dei diritti umani fondamentali sia pericoloso in termini di traumi, sia fisici che emotivi, per l’individuo che partorisce[i]. Considerando che la discriminazione di genere esiste già per le donne nella comunità medica[ii] [iii], quando combiniamo questa discriminazione con la percezione delle donne durante il travaglio come incompetenti[iv], il maltrattamento delle donne e gli attacchi alla loro autonomia corporea (cosìdetta “bodily autonomy”) è più frequente di quanto l’opinione pubblica non si renda conto[v].

L’uso di moduli di consenso generale fa sì che sia dato un consenso al protocollo ospedaliero e alle preferenze personali del medico, tuttavia non si inizia da ciò che è desiderato dal genitore che partorisce, per determinare molti esiti[vi]. Se in molte parti del mondo si è verificato uno spostamento verso un approccio incentrato sul paziente, questo spostamento è avvenuto veramente in Italia? Noi, come cultura, apprezziamo, comprendiamo e diamo importanza ai diritti delle persone che partoriscono in Italia?

In una campagna di social media del 2016, OVOItalia ha chiesto alle persone che partoriscono di condividere le loro esperienze di traumi, violazioni e abusi da parte dei medici durante il travaglio e il parto[vii]. Le loro risposte, già note a molti sostenitori del cambiamento, hanno messo una luce pubblica su una questione molto seria negli ospedali italiani. La risposta alla loro campagna è stata significativa: oltre 1000 persone hanno risposto con testimonianze personali di violenza ostetrica. Alcune violazioni, come questa, evidenziano una violazione estrema che non può essere ignorata:

Nuda, supina, circondata da estranei, mi bloccano le spalle, mi aprono a forza le gambe. Mi danno ordini. Mi infilano le mani in vagina alternandosi, senza ascoltare i miei pianti e il grido dei miei no….sembra la scena di uno stupro di gruppo, invece era il mio parto, poi finito con un cesareo in emergenza…”

– anonimo, contribuzione alla campagna #bastatacere, OVOItalia, 2016[viii]

In qualsiasi situazione medica, ci deve essere un dialogo tra l’operatore sanitario e il paziente. Non è una richiesta, ma è un diritto umano protetto, anche in Italia[ix]. I concetti di autonomia corporea e di consenso informato sono tutelati dal diritto internazionale e nazionale[x]. Eppure, nonostante questa protezione, molti partorienti riferiscono di aver ricevuto informazioni inadeguate e che sia stato violato il loro diritto al consenso informato[xi]. Perché tolleriamo questa violazione e la lasciamo continuare?

Molti fattori giocano un ruolo importante nel fatto che le persone che partoriscono in tutto il mondo, Italia compresa, sono riluttanti o incapaci di difendere i loro diritti e di farli rispettare. Molte delle vittime di queste violazioni sono gruppi già emarginati poco rispettati nel campo medico[xii] (persone di colore[xiii], roma, gruppi di aborigeni). Abbiamo anche la tendenza culturale a dare grande considerazione a ciò che dicono i professionisti del settore medico, anche quando non forniscono alcuna base medica per la loro decisione, ma piuttosto una preferenza per un certo risultato.

L’idea che non conta nient’altro oltre a un bambino sano permette anche di violare i nostri diritti senza tener conto del trauma o dei danni causati. La risposta di chi ci circonde dopo la nascita rafforza questa idea. Il discorso spesso sentito: “Perché sei arrabbiata? Hai il tuo bambino. Dovresti essere felice” perpetua ulteriormente l’idea che il corpo, il benessere emotivo e mentale di una persona che partorisce, così come i suoi diritti legali, siano molto meno importanti di quelli di un bambino non nato o appena nato. La realtà è che sia la persona che partorisce che il neonato hanno dei diritti, in particolare per quanto riguarda l’autonomia corporea[xiv], mentre il nascituro non ne ha. Dobbiamo dare più peso al benessere mentale, emotivo e fisico dei neogenitori, piuttosto che metterlo da parte nella speranza che il saluto al neonato cancelli tutto il resto. 

Alcuni sostengono che la violenza ostetrica è talmente radicata nella nostra società che per molti di noi è difficile anche solo riconoscerla[xv], anche da parte di chi lavora sul campo[xvi]. Ma una volta che si dà uno sguardo più profondo e informato alle principali visite di routine, alle procedure mediche e agli interventi che alle donne vengono dati (o negati) durante la gravidanza e il parto in combinazione con i diritti legali che esistono per le persone che partoriscono, credo che qualsiasi persona razionale inizierebbe immediatamente a mettere in discussione i metodi utilizzati e la validità del ragionamento medico che sta dietro a tanto di quello che facciamo e se il consenso informato e la cura centrata sul paziente si ottenessero davvero in ostetricia. Ad esempio, se si passasse in rassegna i numerosi studi e commenti sulle posizioni di parto più favorevoli al parto per l’individuo che partorisce, diventa abbastanza facile mettere in discussione il protocollo ospedaliero di insistere sul fatto che le donne partoriscano in posizioni scomode, inefficaci e, in alcuni casi, denigratorie della posizione supina o della litotomia in cui è stata fatta una richiesta specifica di partorire in una posizione diversa[xvii].  

Va detto e ripetuto più e più volte fino a quando non diventerà conoscenza comune e pratica comune: durante la gravidanza e il parto, il diritto al consenso informato, unito a molti altri diritti di nascita, esiste e appartiene alle persone che partoriscono dove e quando riguarda il loro corpo. Questi diritti non possono essere minati con tattiche di paura o con la minaccia di negare i servizi[xviii] [xix]. Per ogni domanda medica posta da una persona in fase di parto a un professionista medico in merito a una procedura che viene proposta, è necessaria una risposta veritiera, completa e tempestiva[xx]. E la decisione presa dai genitori che partoriscono deve essere rispettata anche se e, oserei dire, soprattutto, quando non è in linea con i desideri del medico professionista[xxi].

Se e quando i vostri diritti sono violati, avete un ricorso. La vostra voce può e deve essere ascoltata e le procedure sono in atto per permettere che ciò avvenga. Il movimento verso un’assistenza incentrata sul paziente in ambito materno non è quello di mettere in discussione le qualifiche di un medico o le sue capacità di medico professionista, ma piuttosto quello di creare una cultura del dialogo tra gli operatori sanitari basata sul rispetto reciproco. Aumentando la comprensione di cosa significhi il vero consenso informato, invece che di ottenere semplicemente una firma per il consenso, le cause per negligenza medica potrebbero in realtà diminuire[xxii] [xxiii] e gli esiti postnatali in termini di depressione e traumi post-partum potrebbero migliorare.


[i] PTSD and obstetric violence, by Ibone Olza, MD, PhD, Originally Published in Midwifery Today Int Midwife. 2013 Spring;(105):48-9, 68 https://eipmh.com/ptsd-and-obstetric-violence/

[ii] Sex matters: gender disparities in quality and outcomes of care, Arlene S. Bierman, CMAJ December 04, 2007 177 (12) 1520-1521; DOI: https://doi.org/10.1503/cmaj.071541

[iii] SteelFisher GK, Findling MG, Bleich SN, et al. Gender discrimination in the United States: Experiences of women. Health Serv Res. 2019;54 Suppl 2(Suppl 2):1442‐1453. doi:10.1111/1475-6773.13217

[iv] Ladd, R. (1989). Women in Labor: Some Issues about Informed Consent. Hypatia, 4(3), 37-45. Retrieved June 1, 2020, from www.jstor.org/stable/3809824

[v] I Was Pregnant and in Crisis. All the Doctors and Nurses Saw Was an Incompetent Black Woman; January 8, 2019, Time Magazine (online) https://time.com/5494404/tressie-mcmillan-cottom-thick-pregnancy-competent/

[vi] Reed, R., Sharman, R. & Inglis, C. Women’s descriptions of childbirth trauma relating to care provider actions and interactions. BMC Pregnancy Childbirth 17, 21 (2017). https://doi.org/10.1186/s12884-016-1197-0

[vii] Basta Tacere Campaign, OVOItalia, https://ovoitalia.wordpress.com/bastatacere/

[viii] Basta Tacere Campaign, OVOItalia, https://ovoitalia.wordpress.com/bastatacere/

[ix] Legge sul consenso informato e sulle DAT, Legge 22 dicembre 2017, n. 219

[x] Respectful Maternity Care, The Universal Rights of Women & Newborns, White Ribbon Alliance, 2019

White Ribbon Alliance. Respectful Maternity Care Charter: Universal Rights of Mothers and Newborns 2020, Available from: https://www.whiteribbonalliance.org/respectful-maternity-care-charter/ 

[xi] Basta Tacere Campaign, OVOItalia, https://ovoitalia.wordpress.com/bastatacere/

[xii] “There’s no kind of respect here” A qualitative study of racism and access to maternal health care among Romani women in the Balkans Teresa Janevic1*, Pooja Sripad2 , Elizabeth Bradley3 and Vera Dimitrievska4

[xiii] The American maternal mortality crisis: The role of racism and bias, Publish date: May 5, 2020, Sharon Worcester, https://www.mdedge.com/obgyn/article/221705/obstetrics/american-maternal-mortality-crisis-role-racism-and-bias

[xiv] Council of Europe, European Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms, as amended by Protocols Nos. 11 and 14, 4 November 1950, ETS 5, available at: https://www.refworld.org/docid/3ae6b3b04.html [accessed 1 June 2020]

[xv]   Shabot, S. C. (2020). Why ‘normal’ feels so bad: violence and vaginal examinations during labour – a (feminist) phenomenology. Feminist Theory. https://doi.org/10.1177/1464700120920764

[xvi] PTSD and obstetric violence, by Ibone Olza, MD, PhD, Originally Published in Midwifery Today Int Midwife. 2013 Spring;(105):48-9, 68 https://eipmh.com/ptsd-and-obstetric-violence/

[xvii] The Evidence on: Birthing Positions, Evidence Based Birth, updated February 2, 2018, https://evidencebasedbirth.com/evidence-birthing-positions/

[xviii] Respectful Maternity Care, The Universal Rights of Women & Newborns, White Ribbon Alliance, 2019

White Ribbon Alliance. Respectful Maternity Care Charter: Universal Rights of Mothers and Newborns 2020, Available from: https://www.whiteribbonalliance.org/respectful-maternity-care-charter/ 

[xix] Council of Europe, European Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms, as amended by Protocols Nos. 11 and 14, 4 November 1950, ETS 5, available at: https://www.refworld.org/docid/3ae6b3b04.html [accessed 12 June 2020]

[xx] Birthrights, Factsheet on Rights, https://www.birthrights.org.uk/factsheets/human-rights-in-maternity-care/

[xxi] Ladd, R. (1989). Women in Labor: Some Issues about Informed Consent. Hypatia, 4(3), 37-45. Retrieved June 1, 2020, from www.jstor.org/stable/3809824

[xxii] Turillazzi E, Neri M. Informed consent and Italian physicians: change course or abandon ship–from formal authorization to a culture of sharing. Med Health Care Philos. 2015;18(3):449‐453. doi:10.1007/s11019-015-9637-6

[xxiii] A review and analysis of new Italian law 219/2017: ‘provisions for informed consent and advance directives treatment’. Di Paolo et al. BMC Medical Ethics (2019)

X